Filtri anticalcare (12) per AcalaQuell® Mini

44.90 CHF inkl. MwSt

Rimuove il 99,5% delle impurità più pesanti dall'acqua.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.
Interdum varius sit amet mattis.
Massa ultricies mi quis hendrerit dolor magna eget.

Filtri anticalcare per AcalaQuell® Mini

Con un filtro anticalcare si riduce il calcare nell’acqua; a seconda della durezza dell’acqua, l’intervallo di sostituzione è di 2 – 4 settimane.

Ambito di fornitura:
12 filtri anticalcare

Nota: questi filtri anticalcare sono adatti solo ad AcalaQuell® Mini.

Come entra il calcare nell’acqua ed è dannoso?
Molti hanno l’idea che il calcare abbia la stessa forma che si vede come deposito sui rubinetti, nei tubi dell’acqua o nel bollitore,
è anche nella nostra acqua.
Ma è vero? Il calcare nell’acqua è lo stesso dei depositi bianchi?
Si tratta di depositi “rocciosi” duri in piccole pietre nell’acqua?
E questo provoca la calcificazione delle arterie o la formazione di calcoli nei reni?

No, contrariamente a molte dicerie, il calcio non ha nulla a che fare direttamente con i calcoli renali o le arterie “calcificate”.
Sorprendentemente, la calce nell’acqua è qualcosa di assolutamente diverso, la calce si scioglie nell’acqua come se si mettesse un cucchiaio di sale nell’acqua, il sale, come la calce, si scioglie completamente.
La calce non è altro che un minerale come il calcio e il magnesio, benefico per il nostro organismo e assolutamente non dannoso.
Parlare di arterie “calcificate” è semplicemente uno sfortunato colloquialismo.

Che cos’è la calce?
Il termine calce, in relazione all’acqua, si riferisce semplicemente al contenuto di carbonato di calcio disciolto. Il carbonato di calcio è uno dei minerali più comuni della terra, sotto forma di calcite.

Come entra la calce nell’acqua?
Esistono diversi modi in cui l’acqua lega a sé i minerali, per esempio quando
Quando la pioggia cade, assorbe anidride carbonica dall’atmosfera, che si trasforma in acido carbonico nell’acqua. L’acido carbonico reagisce con il calcio presente sulla terra e quindi il carbonato di calcio entra nell’acqua.

Come si formano i depositi di calcare, ad esempio nei tubi dell’acqua calda o nel bollitore?
Si verificano quando viene superato il limite di saturazione della calce nell’acqua. Questo può accadere quando l’acqua si asciuga (allora c’è proporzionalmente più calce disciolta nell’acqua), o quando l’acqua viene riscaldata.
Con un contenuto normale di calce e a basse temperature non è un problema, il limite di saturazione non è ancora stato raggiunto.
Ma quando l’acqua viene riscaldata, l’equilibrio tra il carbonato di calcio e l’acido carbonico cambia: con il calore, l’anidride carbonica fuoriesce dall’acqua, la solubilità della calce nell’acqua si riduce, il bicarbonato di calcio si trasforma in carbonato di calcio, si verifica una sovrasaturazione dell’acqua con la calce, quindi la calce in eccesso precipita come deposito solido (incrostazione).

A differenza degli esseri umani, le macchine hanno problemi con il calcare, in quanto le barre di riscaldamento si ricoprono di calcare e quindi non riescono più a riscaldare per un certo periodo di tempo. Prima che le macchine entrassero nelle nostre case, la “calce” non era un problema.

E la cosiddetta arteriosclerosi?
Il termine “arteriosclerosi” è fuorviante perché in realtà si tratta di arteriosclerosi, in cui nelle pareti dei vasi sanguigni si formano depositi di grassi, trombi, tessuto connettivo, ecc. e non di calcio. Di conseguenza, non bisogna temere di bere acqua calcarea, perché può essere bevuta senza esitazione.
La calce è dannosa?
Niente affatto! Il calcio è un nutriente importante. Il calcio è un elemento di massa, con oltre 50 mg per kg di peso corporeo (a differenza degli oligoelementi, la cui concentrazione nell’organismo è inferiore).
Il calcio è infatti il minerale con la più alta concentrazione nel corpo umano (il 99% si trova nelle ossa e nei denti).

Poiché il calcare è salutare, non vogliamo filtrarlo completamente dall’acqua potabile.
Il fatto che a volte si preferisca bere acqua con meno lime è principalmente una questione di gusti.
Poiché il calcare è disciolto nell’acqua, la decalcificazione non può essere effettuata per filtrazione, come ad esempio con il carbone attivo, ma solo con uno scambiatore di ioni adatto, scambiando gli ioni calcio con gli ioni sodio.

Suggerimento:
Se di tanto in tanto trovate qualche briciola nell’acqua, si tratta di depositi sciolti dalle tubature o dal rubinetto: il filtro per acqua AcalaQuell filtra in modo affidabile questi residui.

si applica la responsabilità legale per i difetti

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Filtri anticalcare (12) per AcalaQuell® Mini”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *